Info H.E.R.O.es

Fan base:
Nazionalità:Italiana - Svedese
Nome:Guglielmo Di Primio
Età:35
Altezza:1,87
Stato attuale:vivo e attivo
Segni Particolari:

Paranoico

Una cicatrice vistosa sul braccio sinistro segno di una ferita che ha debilitato fortemente l'arto


Poteri

di origine Psionica

Telepatia

Lettura del pensiero

Attacco Psichico


Immagini

Durante l’esplosione del Cern, Guglielmo Di Primio divideva la sua vita di trentacinquenne tra il lavoro di avvocato penalista e il suo “hobby” di perpetua ricerca di prove a supporto delle manie complottiste.

I giorni seguenti lo precipitarono quasi nella follia, i controlli in ospedale obbligati dal governo e poi la febbre altissima lo precipitarono quasi nella follia, ma la cosa più inquietante per lui fu quando iniziò a sentire le voci. Non poteva sapere si trattasse dei primi vagiti del suo potere.

Recatosi in ospedale per un controllo, si ritrovò rinchiuso con 7 estranei di cui una in coma apparente. Ognuno nervoso, ognuno spaventato, e non fu tanto la capacità di avvertire frasi apparentemente non pronunciate da alcuno dei presenti, ma quella di riuscire a conversare liberamente con la ragazza in coma, come se la voce di lei gli affiorasse, senza alcuna spiegazione in mente. Chiedeva aiuto, spaventata, voleva solo essere tratta in salvo dal posto buio e privo di dimensione in cui si trovava.

Fu a quel punto che conobbe il Colonnello Dott. Mauro Rossellini e la Darms.

Non capendo, travisando anche, l’offerta del Colonnello, da quel momento in poi Guglielmo si diede alla fuga con cinque degli sconosciuti, cercando di scappare da quel governo che evidentemente stava facendo esperimenti e controlli sulle loro vite.

Eppure Guglielmo non riuscì mai a dimenticare la ragazza in coma e il giovane uomo capace di trasformarsi in acqua che aveva preso la decisione impossibile per lui da prendere e l’aveva seguita all’interno della Darms per proteggerla e assicurarsi che non le accadesse nulla di male.

Passò però meno di qualche mese prima che il gruppo si riunì. Da un lato due ragazzi devoti alla protezione della comunità e dall’altro un gruppo di fuggitivi, malnutriti, scappati dalle loro famiglie e vite e decisamente paranoici, alla ricerca di uno spacciatore che aveva messo sul mercato una droga capace di donare poteri a chi non era stato contagiato dalle onde Z, che aveva fatto sparire già tre dei sedicenti fuggitivi.

E’ così che Guglielmo prende il nome di Mercurio, entrando a far parte della DARMS ufficialmente, così da sviluppare al massimo il potere della sua mente, mentre viaggiava da una parte all’altra dell’Italia cercando di smascherare e demolire l’Achille, una potente società multimiliardaria che, nascondendosi dietro la facciata di industria farmaceutica e di sviluppo di armi sperimentali per l’esercito, vendeva mercenari potenziati e armi sperimentali al miglior offerente.

Fu così che conobbe la principessa Svedese Elena Bernadotte, a capo dei servizi segreti del suo paese. Si innamorarono e ben presto l’eroe italiano abbandonò l’amor di patria a favore per l’amor dell’anima.

Dalla loro unione è nato un figlio che ancora non mostra alcun segno delle particolari capacità genetiche dei genitori.

Avvistamenti

Pescara

L'Aquila

Napoli

Palermo

Svezia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Omaggio a #URBANHEROES realizzato da Alessia Ricci

V. 1.0.9