Info H.E.R.O.es

Fan base:
Nazionalità:Giapponese
Nome:Kaori Nagai
Età:25
Altezza:1.59
Stato attuale:vivo e attivo
Segni Particolari:

"Porca vacca, ho la coda! No dai sul serio?" [cit. Kaori]

 


Poteri

Kaori può ricoprirsi di aculei che somigliano molto a quelli di un porcospino, e ricoprire i propri arti di artigli letali.

Inoltre riesce ad arrampicarsi sulle pareti ed individuare la presenza di altri esseri viventi in un'ampia area attorno a se.


Immagini

 

Mi chiamo Kaori Nagai, ho 25 anni e sono nata a Minamisoma, in Giappone.

Nella mia famiglia eravamo io, mia madre Akane, mio padre Hideaki e mio fratello maggiore, Eiji (ha dieci anni più di me).

Mio padre lavorava alla centrale nucleare di Fukushima e mia madre faceva l’insegnante, una famiglia più che rispettabile che mi permise una buona istruzione ed una vita tranquilla.

Ho avuto un’infanzia uguale a quella di tutti gli altri bambini del giappone, fra scuola, amici.

 

Nel 2005 a mio padre venne offerto un lavoro in Svizzera, come ingegnere in una centrale dove si stava ideando un innovativo sistema di produzione dell’energia; l’idea era quella di portare tutta la famiglia a vivere in europa con lui, ma a mio fratello non piaceva l’idea.

Eiji era fidanzato, aveva un buon lavoro e non avrebbe lasciato il nostro paese per nessun motivo, ma mio padre decise di trasferirsi e se avesse voluto, Eiji avrebbe dovuto vivere da solo.

Non fu facile, poiché volevo un gran bene a mio fratello, ma ormai era un uomo ed aveva diritto a vivere la sua vita.

 

Come ormai tristemente noto, nel 2008 ci fu un enorme incidente a Ginevra, dove lavorava mio padre che beh.. non ce la fece. Le vittime furono tantissime e si scatenò il panico nelle città vicine, come vidi nei notiziari.

La cosa mi segnò profondamente, e persi notevolmente peso in quel periodo, fra il trasferimento in una zona sicura, il lavoro e mia madre che si era ammalata per via di quelle radiazioni e che finì per morire un paio di anni dopo.

 

Dopo anni vissuti a Kaliningrad lavorando come chimico nei laboratori Stelnov, fui coinvolta in un’esplosione nella stazione della città, causata da un ordigno zeta-attivo, cui riuscii a sopravvivere in qualche modo, per poi scoprire che in totale i sopravvissuti erano quattro.

Dopo breve tempo i medici russi capirono che non avevano le attrezzature adatte per provvedere alle nostre cure e fummo trasferiti ad una clinica specializzata vicino Bruxelles, per ricevere delle attenzioni adatte al tipo di danno che avevamo subìto e dove scoprimmo tutti e quattro di aver acquisito dei poteri.

Una volta in grado di camminare di nuovo, non passò molto tempo che un’organizzazione internazionale semi-governativa chiamata ECEC ci contattò e ci propose di lavorare con loro come agenti di pace, in cambio, avrebbero provveduto a finanziare le nostre cure, poiché i fondi con cui eravamo stati tenuti in vita erano esauriti.

Diciamo che chiamarla “proposta” non è propriamente esatto, dato che probabilmente senza quelle cure non saremmo vissuti molto a lungo, fatto sta che ora lavoriamo con loro come una specie di gruppetto di super strambi che lavorano con vaga discrezione e fanno venire un infarto al proprio coordinatore almeno una volta a settimana.

Avvistamenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Omaggio a #URBANHEROES realizzato da Alessia Ricci

V. 1.0.9