Info H.E.R.O.es

Fan base:Diverse centinaia.
Nazionalità:Presumibilmente italiana.
Nome:Sconosciuto.
Età:Sconosciuta. Si pensa sulla ventina d'anni.
Altezza:1.80m
Stato attuale:vivo e attivo
Segni Particolari:

L'intero corpo dell'H.E.R.O. è coperto da una tuta di omniplast nera e da vesti simili a quelle di uno shinobi. La vigilante indossa, sopra alla maschera, anche una parrucca, apparentemente solo per ragioni estetiche.

Yokai dispone di un sorprendente arsenale di armi e tecnologia. Nel suo equipaggiamento, che varia di missione in missione, ci sono una ninjato, un jitte, dei tirapugni, svariate armi da lancio (in particolare, in caso sia necessario uccidere o ferire grevemente, dei senbon) e una tavola A field. Questo ricco arsenale ha lasciato perplesse le forze dell'ordine, che sospettano che l'H.E.R.O. sia finanziata da qualcuno con un notevole capitale, la cui identità è, però, ancora ignota.

Verso la fine di marzo del 2014 un utente di Herotube, Z-Theories, affermò che il finanziatore dell'H.E.R.O. fosse la signora Ashiba Iko, un'imprenditrice di successo e di origini e cultura nipponica. L'ipotesi di Z-Theories, tuttavia, ebbe poco successo e venne considerata inattendibile per la mancanza di prove significative capaci di collegare le due donne. L'herotuber venne anche accusato di razzismo, avendo apparentemente accusato una donna di aver finanziato un vigilante per il solo fatto di condividere la stessa cultura. La reputazione dell'utente venne gravemente danneggiata, perdendo molta popolarità sul sito.


Poteri

I poteri di Yokai sono in gran parte sconosciuti. I criminali coinvolti in lotte con la vigilante e pochi testimoni affermano che l'H.E.R.O. possa invecchiare le persone semplicemente toccandole, lasciandole stanche e spaventate per un periodo di tempo variabile (di solito non più di dieci ore circa). Non è chiaro se questo sia l'unico potere della donna.


Immagini

Yokai big picture

Una delle poche immagini di Yokai.

Yokai è un H.E.R.O. che, assieme ai suoi compagni, protegge la città di Milano. La vigilante è un membro dei Valorosi, un piccolo gruppo di eroi milanesi formato da Yokai, l’H.E.R.O. genetico Calibro e il violento Uomo Alcolico.

Come suggerito dal suo nome, Yokai è un H.E.R.O. di tipo magico strettamente legato alla cultura giapponese. i suoi movimenti e le sue tecniche richiamano quelle di uno shinobi esperto, muovendosi furtivamente nell’ombra e rendendo inoffensivi i propri avversari senza farsi vedere.

Nonostante il suo stile principalmente evanescente, atto a muoversi senza farsi notare, Yokai è molto abile anche nel combattimento corpo-a-corpo, permettendole di agire efficacemente anche in caso di uno scontro diretto . Come i suoi compagni, anche yokai predilige combattere i propri nemici senza ucciderli, utilizzando la sua ninjato solo in casi di stretta necessità e favorendo il combattimento con armi contundenti, in particolare il suo jitte.

Sempre come i suoi compagni dei Valorosi, la piena portata dei poteri di Yokai è sconosciuta, lasciando a studiosi ed esperti di radiazioni z il compito di teorizzare le vere capacità dell’H.E.R.O.

La vera identità di Yokai è sconosciuta e le autorità impegnate ad indagare su di lei sembrano incapaci di scoprire il più grande segreto dell’H.E.R.O.

Avvistamenti

  • Il 31 gennaio 2014, alle 22:30 circa, alcuni testimoni oculari filmano una figura femminile correre e saltare per le strade e per i tetti di Milano, mettendo in atto svariate acrobazie e pericolosi atti di parkour. Nessuno dei presenti, né i video da loro filmati, vedono chiaramente il volto della donna, rendendone impossibile l'identificazione.
  • La stessa cosa accade l'1 febbraio. Stavolta la donna ha il volto coperto da una maschera di omniplast.
  • Il 2 febbraio la donna viene avvistata nuovamente. Durante la sua corsa, la figura femminile interverrà in un tentativo di rapina, disarmando l'aggressore e facendogli perdere conoscenza, per poi scomparire all'arrivo della polizia.
  • Il 5 febbraio, alle 3:00 di mattina circa, la misteriosa donna e il neo-vigilante Calibro si incontrano per la prima volta davanti alla Chiesa di S. Maria Assunta. Un uomo del posto e unico testimone ha affermato, seppur incapace di sentire la conversazione, che i due H.E.R.O.es fossero sul punto di combattere, finché l'arrivo di un gruppo di criminali locali intenzionati a vandalizzare la chiesa non li ha spinti a collaborare, unendo le forze per sconfiggere i deturpatori. Il testimone afferma di aver visto i vandali "invecchiare", per pochi secondi, dopo essere stati colpiti dalla vigilante, per poi tornare come prima. I tre criminali, presi dalla polizia, confermeranno la testimonianza, affermando di essersi sentiti esausti e fragili mentre combattevano la donna. Questo sarà il primo caso registrato dei poteri di yokai.
  • Una delle persone interrogate dalla polizia, l'ottantenne Ashiba Iko, nota imprenditrice e residente vicino alla piazza risponderà, come molti altri, di stare dormendo durante gli eventi della notte scorsa, aggiungendo però come gli H.E.R.O.es gli riportino alla mente le vecchie favole degli yokai giapponesi. Si pensa che da questa affermazione la vigilante abbia preso spunto per il suo futuro pseudonimo.
  • l'11 febbraio Yokai appare per la prima volta assieme ai suoi due compagni, Calibro e l'Uomo Alcolico. E' la prima apparizione ufficiale dei Valorosi riuniti assieme.
  • Il 20 marzo Yokai e l'Uomo Alcolico fermano un carico di connettore z destinato ad essere venduto illegalmente in tutta la città. Il corriere viene identificato come un collaboratore della famiglia malavitosa dei cocciarossa.
  • L'8 aprile Yokai è assieme al resto dei Valorosi quando, aiutati dagli Eroi Amatoriali, fermano l'attacco di un criminale superumano. Nonostante l'insistenza di Yokai per un rapporto più amichevole, Calibro chiederà al gruppo di eroi romani di lasciare al più presto Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Omaggio a #URBANHEROES realizzato da Alessia Ricci

V. 1.0.9